Passa ai contenuti principali

Roma saluta la tre giorni ciclocritica

Ottimo saluto della capitale alla tre giorni ciclocritica che troverà il suo culmine domani nella 4a Ciemmona interplanetaria. Stamattina, su Repubblica, pag VII cronaca di Roma, articolo a tutta pagina (scansionato grazie alla cortesia e perizia di ACER): "ARRIVA L'ESTATE ROMANA E SPARISCE LA PISTA CICLABILE. Anche quest'anno il percorso per le bici sulla sponda del Tevere tra ponte Sisto e ponte Garibaldi cancellato per installare stand e ristoranti.".
All'interno dell'articolo Cecilia Gentile non va certo di fioretto: "L'invasione (della ciclabile Tevere) dello scorso anno, con conseguente impraticabilità della pista, sembrava destinata a non ripetersi. L'assessore all'Ambiente Dario Esposito lo aveva promesso, mentre il 1° agosto scorso, con un ordine del giorno, il consiglio comunale aveva chiesto a sindaco e giunta di localizzare sull'argine sinistro, cioè dall'altra parte del fiume rispetto alla ciclabile, le manifestazioni estive...Nulla di nuovo anche dalla sovrintendenza ai beni architettonici, che aveva annunciato di voler apporre il vincolo monumentale alle banchine e ai muraglioni edificati in epoca umbertina... Ma tant'è. Il tratto fra ponte Garibaldi e ponte Sisto ormai non è più percorribile, perché proprio sulle strisce bianche del tracciato per le bici da oltre una settimana gli operai stanno allestendo ingombranti strutture metalliche e pedane di legno".
Insomma, il temuto pasticcio è tornato, e noi ciclisti romani, che domani faremo sentire alte le nostre voci per la città nel corso dell'appuntamento CM, già da dopodomani dovremo scontrarci con le logiche dei bottegai, dei palazzinari e dei SUVdotati che piegano la capitale e i suoi abitanti ai loro interessi. E senza la possibilità di addebitare specificamente questo scempio a nessuno: politici, amministratori, pubblici ufficiali si produrranno in spettacolari esibizioni della specialità "scaricabarile".
E vedrete, anche domani l'assessore Esposito sarà in bici, in mezzo al popolo della CM, magari con il cellulare all'orecchio, come perfettamente documentato nel suggestivo corto realizzato da www.ciclofficina.net, che ci ha regalato le immagini della CM 2006. Come dire, le elezioni si avvicinano, no?

Commenti

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto


















Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …