Passa ai contenuti principali

La bici di magociclo

E' arrivata. Attesa per giorni, è arrivata.
Ma partiamo dall'inizio (sembra banale, ma aiuta).

Da mesi seguivo le discussioni interessanti e coinvolgenti del magnifico blog "Roma pedala" http://www.romapedala.splinder.com/, gestito con maestria da Alberto ed animato dalla "compagnia della Lokomotiv". Leggevo di rapporti impossibili (52*19, sic!), di leghe superleggere, di pesi piuma, quasi che l'oggetto di tanto interesse fosse un veicolo progettato per l'esplorazione di marte. E invece si parlava (e si parla, caspita se si parla) di biciclette, al cui mondo sono stato gradualmente ma inesorabilmente introdotto. Io all'epoca (e fino ad 1 mese fa) condividevo (nel senso che ne abbiamo 2 uguali) una bici con ACER, bici della quale eravamo orgogliosissimi: tutta in alluminio, cambio Shimano, 24 rapporti, parafanghi, portapacchi, luci, con un suo nome roboante: Triban Trail...insomma, una vera figata. Solo che pesa oltre 15 kili. Proprio una vera campagnola, solida, sicura, incapace non dico di un tradimento, ma anche solo di uno sgarbo. E io che faccio? mi vado ad innamorare di una ballerina di città, di una velina, esile, eterea, incapace di sopportare un filo di vento senza sbandare, ma capacissima di fare la civetta con tutti i turisti in giro per la città, senza un nome, ma solo una sigla: CPH 380. Non ho resistito e l'ho ordinata. Ed ora è arrivata, bellissima, rossa, leggerissima. E superando un'istintiva gelosia, ve la mostro.
Sapete come quest'amore è stato ricambiato? Appena inforcata la prima volta, la sfioro docilmente, faccio un giro del piazzale, provo i freni, impazzisco di gioia nel sentirla mia. Mi fermo, alzo il piede dal pedale per poggiarlo in terra...in una frazione di secondo realizzo che i pedali della ballerina non sono i solito che conosco. no no, sono quelli con l'aggancio come gli scarponi da sci e non basta sollevare il piede per liberarsi dalla morsa d'acciaio. Lo so come si fa a sganciare il piede, certo che lo so, in teoria non mi batte nessuno. ma mentre lo so...la bici fa l'ultimo centimetro per inerzia, si ferma, silenziosa, oscilla, quasi mi offre un'ultima chance di salvezza e poi, lentamente ma ineluttabilmente mi porta giù, per terra, rompendo ilsilenzio con un fragore assordante. E quando sono tutto spalmato in terra con la bici sopra, tac...il pedale si sgancia dalla scarpa. Mi è sembrato che sogghignasse!

Commenti

Acer ha detto…
Ti sta bene, così impari a tradire!
Acer ha detto…
...ehm...ve la mostro, hai detto? Esattamente...dove?
Anonimo ha detto…
mi tocca... ah, se mi tocca!
mi tocca scrivere per forza!
Ma come ti è venuto in mente di aprire un blog sulle due ruote, te che non puoi fare a meno della macchina, degli aerei Roma-Milano, insomma... della vita tutta anidridecarbonica!
Scherzo, naturalmente.
E complimenti per questo ingresso in rete!
Dugongo2004
magociclo ha detto…
@Dugongo
Posso...posso fare a meno dell'anidridecarbonizzata vita che ci viene proposta, ma voglio anche vivere la vita dei miei tempi, non fare l'eremita. e vivendo vivendo inocntro gente a volte simpatica a volte insopportabile, e mi viene voglia di fermarla, insieme ad alcuni pensieri, sulla carta virtuale di un blog. Ed in genere i pensieri migliori mi vengono mentro pedalo, segno dell'utilità della bici. e poiché sono un po' ammaccato in questi giorni, pedalo poco, penso poco e scrivo poco.
Grazie della visita, ritorna, ti aspetto.
magociclo

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto