Passa ai contenuti principali

Ciclabile Tevere: deserta, abbandonata e pericolosa?

Nei giorni scorsi il sito del Corriere della sera ha pubblicato un articolo di commento all'indagine ISFORT che stiamo imparando a conoscere anche su questo blog. Tra le varie affermazioni l'articolo contiene una frase che mi ha lasciato perplesso: "...Sono tante le ciclabili che restano deserte perché semplicemente inutili, buttate lì per guadagnare qualche posto nelle classifiche ambientali ma lontane dai tragitti quotidiani di chi vive in città. È un po' il caso di Roma dove la ciclabile che corre lungo il Tevere è deserta, abbandonata e quando fa buio anche pericolosa...".
Su questa frase ho chiesto il commento ad un ciclista urbano romano che ogni giorno, andata e ritorno, percorre la ciclabile Tevere nel percorso per andare al lavoro. Ecco cosa mi ha risposto Caio Fabricius:

"In qualità di Gonadorum Frangitur Maximus sul tema bici in città, io sono tra quelli (pochi!) che ha applaudito il Comune per la realizzazione della Ciclovia Tevere Centrale, e non me ne vergogno, anzi dal 2005 ne sono un grande e felice utilizzatore quotidiano.
Non si può svilire la splendida, comoda, utile per le passeggiate e per gli itinerari quotidiani casa -ufficio Ciclovia, per qualche cm di buca e 4 km di sampietrino fastidioso ma non tremendo. 30km da GRA a GRA.
Qualcosa in più di un pò di vernice.
Di fatto sarebbe l'asse strategico di collegamento per molti quartieri. Già definita “l'asse portante -la DORSALE- DELLE POLITICHE PER LA CICLABILITA' URBANA”
Ricordo che moltissimi uffici, scuole e negozi sono al centro o comunque vicini alla ciclabile: quindi potenzialmente utilizzabile da migliaia di cittadini consapevoli e, a parte il sampietrino, non mi spiego la gelida accoglienza dei Romani (tutti irreversibili tragici adoratori di feticcio nerolucidoclimatiddissiai?) e perchè non sia decollata come meriterebbe (salvo le domeniche quando conta migliaia di bellissime famiglie in bici).
In una città pluricostruita da 3000 anni e con il più grande, fanatico ed immorale n. al mondo (!) di auto per abitante, oltretutto ringhio-lamentoso, quelle banchine sembravano ancora incontaminata prateria ove poter dar libero e sicuro sfogo alla crescente (?) voglia di una sana mobilità pulita ed europea. Poi tra il dire e il fare , come al solito e come sempre a Roma , ci passa il mare , oltre ai decenni e i ripensamenti e le tragedie politico-elettorali…..
L'"opera" cmq alla fine si è fatta, e si è capito subito la sua POTENZIALE valenza strategica di asse di attraversamento sicuro di gran parte della città (che non a caso dal 1000 avanti cristo in poi le fu "costruita" attorno), oltre che nuova, originale e spettacolare quinta archeo-paesaggistica della città di valenza e suggestione internazionale.
Ne sono emersi però subito anche i problemi: tralasciando quelli legati alla sicurezza, di cui ho però motivate convinzioni diametralmente opposte a quelle più diffuse ( i ciclisti e i pedoni hanno molto più da temere dai vili sorcicorrenti biondino-nostrali che dagli “abbronzati” disagiati) E tra i "probbblemi", anzi le "probbbblematiche" ( come va tra le nuove maggioranze mediasetticemiche) quello più sentito e reale è sicuramente il fondo , non solo del pur nobile ma poco ciclabile sampietrino, ma di un SAMPIETRINO COMPLETAMENTE SCONNESSO DA DECENNI DI PIENE E MANCATA MANUTENZIONE ORDINARIA, che rendono obiettivamente faticoso il transito quotidiano anche ai più tignosi fra i ciclopaleoabruzzesi.
E così, piano, piano, sommessamente, i già scarsi pedalatori quotidiani sono diventati sempre più rari (anche se questa solitudine in pieno Centro è poi di una poesia struggente e permette improvvisi e rincuoranti incontri faunistici -elegantissime garzette, minacciosi aironi, tuffanti cormorani, fantasmagorici gruccioni, coreografiche ballerine gialle e bianche...).
Da anni il problema è noto, e TUTTI gli amministratori hanno convenuto sulla priorità di intervenire "RAPIDAMENTE ...".
Esiste (esisteva?) anche un lodevole fondo di bilancio di 500.000 euro, ma dopo qualche guizzo di interesse, l'argomento sembra essersi dissolto, -l'argomento speriamo non il finanziamento!
Per me è molto più bella e comoda della Senna, e anche ben raccordata con altri itinerari ciclabili
(Ponte Milvio, Tiziano, Auditorium,. Parioli, Risorgimento, Prati, Angelico, Milizie, Ottaviano, Lepanto, Cicerone, Cavour, Centro Rinascimentale, Anagrafe, Sublicio, Circo Massimo, FAO, Caracalla, Colombo-Laurentina, Appia Antica-Caffarella-Acquedotti-Cinecittà-Togliatti-Aniene-ValSolda-Olimpica-Moschea…) e prima o poi se ne accorgeranno i tedeschi, almeno loro se ne intendono di ciclobellezze e cicliche opportunità. L'ideale sarebbe diventare tedesco di Cermania...
Sempreinsella
AVe caiofabricius VALE

Commenti

Anonimo ha detto…
Confermo e sottoscrivo che la ciclabile Tevere é un miracolo di collegamento pratico e veloce con il cuore di Roma.
Anche se i miei spostamenti non mi portano così lontano, quando ho avuto occasione di utilizzarla sono rimasta stupita e affascinata da quanto poco tempo ci voglia a raggiungere l'Isola Tiberina e poi su, su fino a S. Pietro e a Ponte Milvio.
E poi vogliamo mettere che panorama e che bello senza i rombi dei motori sempre inc**ti!
Sono stra-convinta che chi scrive 'sto genere di articoli non é certo persona che si sposta in bici quotidianamente.

Mamaa
cormarco ha detto…
Solo un postino veloce veloce per dire che concordo con tutto quello che dice il mitico Caio, ma ricordiamoci che: 1) la ciclabile del Tevere è lunga 30 km; 2) allontanandoci dal centro, se spariscono i sampietri, aumenta rapidamente il degrado; 3) conseguentemente non mi sento di criticare la frase "è deserta, abbandonata e quando fa buio anche pericolosa"; 4) sono purtoppo successi episodi delittuosi sia sulla pista che nelle immediate vicinanze.
Quindi meglio la rottura di p****e dei sampietrini che qualche altra rottura :)
ciao a tutti
Anonimo ha detto…
Ciao CorMarco (e siamo 3, quando se fa sentì il/la 4° Gatto/a ??,
lusingato dalla tua stima,
il degrado lontano dal Centro però NON E' imputabile alla struttura della banchina, anzi per lunghi tratti bellissima e con un paesaggio mozzafiato e inimmaginabili presenze faunistiche sia a nord che a sud, quanto dall'assedio di disperati di tutto il mondo che assalgono ogni spazio che ritengono un minimo riparato (parchi, vicoli, panchine, sponde dei fiumi...).
Non sono mai stato politically correct e da vetero cane sciolto posso permettermi non essere ipocrita e di rifiutare il falso assioma povero=buono.
Moriccioli poteva essere uno di noi e quei due dementi sono assassini ignobili ed imperdonabili, nessuno sconto per il colore della pelle o la provenienza o si fa razzismo al contrario. Che marciscano in galera, anzi avrei ripristinato i lavori forzati socialmente utili.
Ma ricordiamoci che è stato un caso, uno e uno solo che poteva accadere ovunque, mentre ogni giorno muoiono o rimangono paralizzati decine di pedoni e ciclisti e NESSUNO SI STRAPPA LE VESTI. Rigore per tutti.
Se ci fosse la frequentazione dei festivi la CIclovia TEVERE sarebbe più sicura di via del Corso.
E cmq rimane una meraviglia e comodità sottovalutata e svilita da questa popolazione arricchita e ringhiosa, anzi, tanto oggi me rode più del solito, proprio scema, ignorante, furbetta e garrula, che non merita la meraviglia archeonaturalistica che trabocca senza essere apprezzata e curata.

AVe caio ingrugnato
Anonimo ha detto…
Nude beaches [url=http://circuloverde.es/phpBB3/viewtopic.php?f=2&t=114185&p=167873#p167873] naked[/url] Nudecelebs

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Il 25 aprile ha ancora un senso?

Il 25 aprile ha ancora un senso? e se sì, quale? E' la domanda che stamattina è risuonata più volte fra i cittadini di Bravetta (un quartiere romano oggi pienamente inglobato dalla città ma fino a 70 anni fa in piena campagna) che si sono incontrati per onorare la memoria dei caduti della guerra di liberazione.

Due sono stati gli eventi: il primo la deposizione di una corona di alloro al cippo posto all'incrocio fra via di Bravetta e via della Pisana e dedicato alla memoria dei caduti del quartiere.

Il secondo, una riflessione comune in una zona simbolo della resistenza romana e dell'orrore della dominazione nazifascista: forte Bravetta, dove, fra gli altri, fu trucidato il 13 aprile 1944 don Giuseppe Morosini.

E quindi, che senso ha commemorare oggi il 25 aprile? Molte sono state le risposte, ma tutte convergenti verso un comune valore, quello della democrazia.

Il 25 aprile è la festa in cui non sono ammessi fraintendimenti, non sono possibili sfumature: la storia ha indi…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto