Passa ai contenuti principali

Autovelox e facebook

So di imbarcarmi su un terreno impopolare, in un paese di SUVmuniti, Smartpisoprincesse e Scoterattoni, ma devo assolutamente denunciare un comportamento che trovo, oltre che illegittimo, anche molto grave. Ecco cosa è possibile trovare nelle pagine di facebook, versione italiana:
Si tratta di un "Gruppo" intotolato "Autovelox vaffanculo". Un Gruppo in facebook è uno spazio virtuale creato da uno degli aderenti su un tema specifico. Chi ci si riconosce aderisce e, se vuole, inserisce un commento, una foto, un video.
I Fan di questo gruppo sono, al 17 novembre, 99.241, e questi sono gli ultimi commenti inseriti:
Se dopo aver letto le affermazioni di questi ragazzi penso ad immagini come questa mi vengono alla mente mille pensieri: cosa abbiamo sbagliato nell'educazione dei nostri figli, o cosa c'é di così marcio nella nostra realtà per cui 10.000 ragazzi si sentono in diritto di insultare l'autovelox, che ha come fine ultimo quello di salvare la vita di uomini, donne, ragazzi, bambini?

Commenti

Anonimo ha detto…
Se si è deficienti e telelobotomizzati bananassimili non ci si può aspettare molto di più, non ti curar di lor ma guarda e passa...
Mentre è gravissimo (e unico al mondo nemmeno nei più tragicomici protettorati dò bananas) che l'elenco delle rare postazioni autovelox sia stato estorto e reso pubblico con garrula rincorsa fra stampa tradizionale e in rete.
In perfetto stile libbbbberi DFCP.
Ma tanto si sa, tocca sempre all'altri...gran pena, 'sto povero Paese di sorcicorrenti semideficienti e pure ringhiosi nei privilegi furbetti ormai acquisiti, salvo fare fiaccolate indigggnnnate se l'investitore è "abbronzato".

AVe
caio ha combattuto 'na vita che davanti scuole-parchi-chiese-ospedali ci fosse limite 30 e dossi e autovelox, e il presidente rosso-verde del suo Municipio ja fatto capì de non rompe gli antichi equilibbbri e le maghine scorrono (?) garrule verso fulgidi destini e le scuole ...
quirino ha detto…
ROMENO TRAVOLTO E UCCISO A ROMA, ARRESTATO PIRATA STRADA.

http://tinyurl.com/5n8pkq

Stavolta mi sa che non la faranno la fiaccolata di solidarietà con la vittima!
Cristiano dalianera ha detto…
Per non essere sempre, perennemente incazzato ho smesso di essere dipendente dall'automobile. Ma talvolta, laddove necessario, la utilizzo. E mi rendo conto di essere spesso d'intralcio perchè cerco di osservare integgerrimamente il codice della strada. Accade, però, che questo non sia sufficiente. La mia vicenda la trovate raccontata qui http://partenovelox.forumattivo.com/ciclisti-all-ombra-della-sirena-f3/sono-un-pirata-non-sono-un-signore-t63.htm
Certo che le leggi vanno rispettate ed onorate, ma spesso sul metodo di applicazione un vaffanculo, anche se piccolo piccolo, ci stà bene.
Intanto continuo a pedalare.
Saluti a grappoli
Anonimo ha detto…
Per Cristiano e tutti i Wizard's bike friends:
hai ragione ad incazzarti per quell'episodio, ma poi la realtà è davanti agli occhi di tutti. Ovunque torme isteriche, vili ed impunite di sorcicorrenti con l'acceleratore a tavoletta e l'occhio sbarrato e bavetta verso la (misera) meta.
E chissenefrega in autostrada (piloni e guard rail fate il VS dovere....), ma criminale e gravissimo nei centri abitati, dove avviene STRAGE DI INNOCENTI CONTINUA, per non parlare dei paralizzati e feriti permanenti.
NON SERVIREBBERO PISTE CICLABILI e i vecchi-bambini-deboli potrebbero tornare liberi dagli arresti domiciliari coatti SE SI RISPETTASSERO RIGOROSAMENTE I LIMITI DI 50 (è la massima, non la minima!!!!) con ampie zone residenziali e scuole-parchi-chiese-ospedali a 30 .
COME IN TUTTA L'EUROPA CIVILE.
E il rispetto dei limiti si ottiene con i DOSSI o con la CERTEZZA DELLA SANZIONE da autovelox diffuso, sempreacceso, non delegittimato da furbetti e sorcicorrenti e LAPALISSIANAMENTE non preavvisato.
Meglio la CASSA da autovelox che quella da morto, oppure che il padreterno sappia scegliere meglio.

AVe caio disgustato dal vile sorciocorrente, quintessenza del 70% dei bananas
magociclo ha detto…
E' di queste ore un titolo di repubblica.it: Pirateria stradale: più 68% - E il 44% sono ubriachi.

E noi lì a tremare per noi stessi, i nostri figli, i nostri genitori e per tutti gli utenti deboli della strada. Ho ancora negli occhi il tragico manifesto dell'associazione vittime della strada, che scortammo alcune settimane fa per le vie di Roma: una sequenza infinita di foto di persone di ogni età morte ammazzateper strada.

@Cristiano: mi sono registrato sul tuo forum, ma non riesco a postare un commento. Sono super imbranato io o non hai attivato questa possibilità?
Cristiano dalianera ha detto…
A me il discorso sulle percentuali non garba mai. Più che prestarsi, si regalano. Cifre allarmistiche mi dicono (letto altrove, ma ora non ricordo di preciso) che l'uso di sostanze stupefacenti tocca il 50% della popolazione. In pratica su un tandem uno dei due è fatto.
Ho iniziato a guardare con sospetto papà, ogni volta che si cala la pillola per la pressione controllo sempre il blister...son tempi difficili.


Tutto attivatissimo, magociclo.
Ti registri, il sistema ti manda una mail per la verifica della mail, clicchi sul link di attivazione et voilà.
Sul forum fai il login e puoi commentare e postare a piacimento ^_^ (dovessero esserci problemi mandami un messaggio privato dillà)
Filippo L. ha detto…
solo per parte devo darti ragione, sono un iscritto al gruppo ed ho notato che sono in molti gli sbruffoni che postano i video con le loro bravate... Tuttavia se guardi bene ci sono anche altri tipi di persone e commenti!!!

Comunque il problema resta, l'AUTOVELOX in Italia è solo un mezzo per far cassa, l'alibi della sicurezza e della prevenzione NON regge, lo dice la statistica!!! Le nostre statali, oramai zeppe di strumenti sono il luogo dove si muore di più, per l'inadeguatezza spesso dell'infrastruttura stessa e soprattutto per la gente che guida con alcool e droga in corpo...
Mi dispiace, ma trovo il tuo post pieno di demagogia!!! I limiti di velocità vanno rideterminati e secondo me andrebbe usato il TUTOR anche sulle statali!!
Il TUTOR è l'unico strumento che penalizza realmente chi corre troppo, l'autovelox e derivati è solo una truffa legalizzata!!!
Anonimo ha detto…
Nudebeach [url=http://community.fortequilalovers.com/service/linkOut.kickAction?as=113323&url=http%3A%2F%2Fwww.platinum-celebs.com%2Factresses%2Fteri-hatcher%2F&h=9069eedd7e7d3d0678d7ce384c34729] nude[/url] fre naked pics

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto