Passa ai contenuti principali

La tua bici è sicura?

La tua bicicletta è a norma oppure vuoi comprarne una che lo sia? E' arrivata la guida che definisce le norme tecniche comuni per la sicurezza delle biciclette europee. Attualmente i Paesi dell'Ue hanno regole nazionali disomogenee e questo crea svantaggi alla produzione, confusione tra gli operatori del settore e tra i consumatori al momento dell'acquisto del prodotto. Inoltre una bici venduta in Italia non poteva essere adatta ad altri mercati e viceversa.

"Hai tutte le ruote a posto" è il titolo della guida dell'UNI, l'Ente Nazionale Italiano di Unificazione che, in collaborazione con ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori) e con il coinvolgimento di FIAB (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) ha gestito la segreteria del Comitato tecnico europeo che ha elaborato le norme, coordinandone l'attività. Le due ruote "a norma" sono facilmente riconoscibili in quanto devono riprodurre, in punti visibili e in modo indelebile, il numero della norma europea di riferimento, il nome del fabbricante o del responsabile della distribuzione.

Ecco i numeri di riferimento:

1. UNI EN 14764 "Biciclette da città e da trekking - Requisiti di sicurezza e metodi di prova"
2. UNI EN 14765 "Biciclette da ragazzo - Requisiti di sicurezza e metodi di prova"
3. UNI EN 14766 "Mountain bike - Requisiti di sicurezza e metodi di prova"
4. UNI EN 14781 "Biciclette da corsa - Requisiti di sicurezza e metodi di prova"

Le norme forniscono i requisiti necessari per la fabbricazione delle biciclette e definiscono i metodi di prova da eseguire in laboratorio, per testare i vari modelli. In estrema sintesi, le norme per la qualità e la sicurezza delle biciclette europee stabiliscono ad esempio:

1. resistenza delle selle, che vengono sottoposte ad una prova di fatica;
2. stabilità dello sterzo, che deve sopportare almeno il 25% del peso della bicicletta e del ciclista e deve essere libero di ruotare di almeno 60° in ogni lato dalla posizione diritta e non deve presentare punti rigidi;
3. prove su strada, risultando stabile in frenata, in curva e in sterzata;
4. prestazioni di frenata: una bici da corsa a norma che viaggia in condizioni di asciutto alla velocità di 25 km/h deve arrestarsi entro 6 metri, utilizzando entrambi i freni, mentre sul bagnato, a una velocità di 16 km/h, lo spazio di frenata deve essere al massimo di 5 metri;
5. caschi protettivi: quelli a norma europea hanno il numero di riconoscimento e la sigla CE e devono riportare anche il nome o il marchio del fabbricante, l'anno e il trimestre di fabbricazione.

La guida indica anche le caratteristiche che devono avere i caschi a norma:

1. devono essere leggeri, ventilati, facili da mettere/togliere, utilizzabili con gli occhiali, rivestiti internamente con materiali non irritanti;
2. non limitano la capacità uditiva;
3. l'ampiezza del campo visivo deve essere almeno pari a 105° in orizzontale, 25° verso l'alto e 45° verso il basso;
4. la larghezza del sottogola deve essere almeno di 1,5 cm per evitare il rischio di taglio e di strangolamento

Se si volesse portare in bici un bambino di età compresa tra i 9 mesi e i 5 anni, è necessario munirsi di un seggiolino sicuro, cioè che presenti i seguenti requisiti, definiti dalla norma UNI EN 14344:

* I seggiolini vengono classificati in base al peso del bambino e al loro posizionamento: da 9 a 22 kg è la capacità di trasporto di quelli montati dietro il ciclista, da 9 ad un massimo di 15 kg è quella per i seggiolini montati tra manubrio e sella.
* Le estremità, gli angoli, le sporgenze devono essere arrotondate, ripiegate o protette con un rivestimento in plastica o similare per evitare il rischio di ferite.
* Particolare attenzione va anche prestata alle parti piccole componenti il sedile, che possono essere staccate e ingerite dai più piccoli.

C'è, infine, il decalogo dei consigli FIAB:

1. Considerarsi alla pari di tutti gli altri mezzi circolanti, quindi con gli stessi diritti e doveri
2. Indossare il casco
3. Controllare costantemente il perfetto funzionamento dei freni, delle luci, dei catodriottidi, del campanello e dei pneumatici
4. Inviare segnali precisi e in anticipo agli altri utenti della strada
5. Restare sempre vigili nel traffico
6. Non passare mai con il semaforo rosso
7. Cercare di non percorrere strade dissestate o molto trafficate
8. Attenzione alle rotonde, indicare la propria direzione di marcia alzando il braccio sinistro
9. Rendersi sempre ben visibili
10. Attenzione alle rotaie

Commenti

cristiano dalianera ha detto…
Questo vuol dire che dovrò far omolagare la mia bici-ici di marzapane?
Qualcuno conosce le specifiche dei test? E' previsto il test del "pucciaggio nel latte caldo"?

Preoqqupazione.

NB: a titolo meramente informativo: l'omologazione europea del casco da bici risponde alla sigla UNI EN1078 del 1997. All'acquisto accertarsi che tale sigla sia presente sulle etichette.

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Il 25 aprile ha ancora un senso?

Il 25 aprile ha ancora un senso? e se sì, quale? E' la domanda che stamattina è risuonata più volte fra i cittadini di Bravetta (un quartiere romano oggi pienamente inglobato dalla città ma fino a 70 anni fa in piena campagna) che si sono incontrati per onorare la memoria dei caduti della guerra di liberazione.

Due sono stati gli eventi: il primo la deposizione di una corona di alloro al cippo posto all'incrocio fra via di Bravetta e via della Pisana e dedicato alla memoria dei caduti del quartiere.

Il secondo, una riflessione comune in una zona simbolo della resistenza romana e dell'orrore della dominazione nazifascista: forte Bravetta, dove, fra gli altri, fu trucidato il 13 aprile 1944 don Giuseppe Morosini.

E quindi, che senso ha commemorare oggi il 25 aprile? Molte sono state le risposte, ma tutte convergenti verso un comune valore, quello della democrazia.

Il 25 aprile è la festa in cui non sono ammessi fraintendimenti, non sono possibili sfumature: la storia ha indi…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto