Passa ai contenuti principali

Viaggiare verso gli USA? che impresa!

A partire dal 12 gennaio 2009 se vorrai andare negli USA, che so, a correre la Maratona di New York o a visitare i parchi naturali del Nevada e dell'Arizona, dovrai chieder un "permesso preventivo" alle autorità americane per ottenere l'autorizzazione all'imbarco sull'aereo. Bada bene, questo permesso non ti garantirà l'ingresso negli USA, sottoposto di volta in volta alla valutazione delle autorità locali, ma solo l'accesso all'aereo. Questo "permesso preventivo", che si chiama Electronic System for Travel Authorization (ESTA), dovrà essere richiesto su un sito dell'ambasciata USA
Il cittadino italiano che richiede il permesso ESTA deve contemporaneamente concedere una liberatoria al governo USA per cui accetta che vengano schedati e verificati i suoi dati identificatori biometrici (impronte digitali, iride dell'occhio, etc.) e rinunciare al diritto di riesaminare o presentare ricorso su una decisione presa dal funzionario dell’Ufficio delle Dogane e della Protezione delle Frontiere (Customs and Border Protection), in merito all’idoneità, o di contestare, ad eccezione dei casi di richiesta di asilo, qualsiasi azione di rimozione che
scaturisca da una domanda di ingresso nell’ambito del Programma Viaggio senza
Visto.
Secondo me, in un libero rapporto fra Stati sovrani, l'Italia, o meglio l'intera UE, dovrebbe avere il coraggio di richiedere ai cittadini USA che vengono da noi in vacanza l'adempimento di documenti di pari impatto: permesso preventivo elettronico, acquisizione di dati biometrici e rinuncia al diritoo di opposizione nel caso di accesso negato nel Paese.

Commenti

Cristiano dalianera ha detto…
Chissà se al Prode Romanone hanno chiesto gli estremi biometrici per correre la maratona di gnu ork...
Ma ancora chiedono se si è o si è stati mai membri del partito comunista? ^O^
Sò forti st'ammericani, ahò!
Anonimo ha detto…
Mi spiace mago, ma non son d'accordo. non mi piace questo tuo invocare il principio della reciprocità. La cosa non funziona, anzi a volte puzza un po' di vendetta.

Se gli americani son così "...." * perchè mai dovremmo comportarci con lo stesso stile?

Già facciamo i conti con un modello sociale ed economico (USA)che ben presto ci omologherà tutti. Se ci resta ancora qualche sano principio di rispetto, tolleranza ed amore per noi stessi, molliamo l'ammerricano che dorme in noi ed evitiamo di andarci (negli usa).

baci diffusi

i.

* ca@@oni

p.s. dimenticavo mago...se ti scappa un commento non aprirlo con un "caro i.". sarebbe meglio un "cara"
magociclo ha detto…
Cara "i"...mmmh, mi viene qualche sospetto...anche il saluto "baci diffusi"...mah, per ora non mi sbilancio, ma una mezza idea comincio ad averla, vediamo se avrò presto una conferma.

Il tuo commento, carA "i", è assolutamente condivisibile. La mia proposta è certamente animata da un proposito di vendetta ed ha un contenuto paradossale. Certo, sono consapevole che gestire le entrate in un paese grande e complesso come gli USA non è semplice, ma quanto sarebbe bello se potessimo muoverci nel mondo come oggi facciamo all'interno dell'UE.
E poi anche l'idea di non andarci, negli USA, è vendicativa.

Facciamo così: se gli americani non modificheranno le regole ESTA, noi applicheremo la regola "ESTI" (rivolgersi ad un romano doc per la corretta interpretazione).

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto