Passa ai contenuti principali

Perché si muovono in bici gli italiani? ISFORT 2

Proseguendo nell'analisi della ricerca ISFORT sulla mobilità in bicicletta degli italiani, oggi voglio pubblicare una tabella sulle motivazioni che, secondo l'indagine, inducono gli italiani ad utilizzare la bici. Anche qui sarebbe interessante un confronto aperto fra noi ciclisti (che rappresentiamo il 13,5% della popolazione e siamo definiti "abituali) e anche con quel 86,5 che la bici non la usa mai o solo saltuariamente.

Commenti

Anonimo ha detto…
Uhhh, a parte che le motivazioni indicate mi sembrano tutte buone e andrebbero messe tutte insieme, se poi devo proprio fare una top-ten...
All'ultimo posto "modalità di trasporto economica"
Al 3° posto "miglior mezzo x tempo libero"
Al 2° posto ex equo "fa bene alla salute" e "combatto l'inquinamento" anche perché le due cose sono legate strette!!
Al 1° posto "evito il traffico e le code"

Va bene, questi sono i motivi che hanno scelto quelli dell'ISFORT, ma non é detto che siano i miei veri motivi.

Perché vado in bici? Boh!
Forse perché é da quando ero bambina che mi é sempre piaciuto, anche se ho dovuto imparare da sola sul balcone col rischio di cadere di sotto?
Forse perché é talmente naturale, pratico e veloce che non ci stai neanche a pensare su?
Forse perché dopo qualche anno di abbandono, all'arrivo del pargolo ho riscoperto questo mezzo meraviglioso e non ne posso fare a meno?
Forse perché il senso di libertà, la possibilità di stare con i propri pensieri, il senso di serenità che si prova pedalando (tranne quando ogni tanto ti sverniciano i soliti auto-nevrotici) non lo provi in autobus o in macchina (giusto a piedi)?

Certo, chi non va mai in bici non credo possa capire. Forse é per questo che é drammaticamente difficile, se non impossibile, convincere un autosauro a diventare ciclista e francamente comincio a pensare che sia meglio così.
Non per egoismo, ma semplicemente immaginatevi se da un giorno all'altro non si potesse più usare l'auto (chessò la benzina a 10 € al litro!) e gli autosauri fossero costretti a usare la bici... sono certa che avrebbero lo stesso identico comportamento che hanno in auto: prepotenti, negaregole e ammazza pedoni!
Ho l'impressione che come accade per le pubblicità progresso, che toccano già chi é sensibile al tema e lasciano indifferenti gli altri, anche la conversione all'uso della bici é possibile solo a chi é già predisposto ad un certo modo di sentire e vivere, al rispetto del prossimo.
Non ci resta che lavorare sulle nuove generazioni.

Mamaa
Anonimo ha detto…
Confermo, sottoscrivo e sigillo con ceralacca.
Il 2° miciclo.

Ave miaio Fabricius, l'abbituè

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Il 25 aprile ha ancora un senso?

Il 25 aprile ha ancora un senso? e se sì, quale? E' la domanda che stamattina è risuonata più volte fra i cittadini di Bravetta (un quartiere romano oggi pienamente inglobato dalla città ma fino a 70 anni fa in piena campagna) che si sono incontrati per onorare la memoria dei caduti della guerra di liberazione.

Due sono stati gli eventi: il primo la deposizione di una corona di alloro al cippo posto all'incrocio fra via di Bravetta e via della Pisana e dedicato alla memoria dei caduti del quartiere.

Il secondo, una riflessione comune in una zona simbolo della resistenza romana e dell'orrore della dominazione nazifascista: forte Bravetta, dove, fra gli altri, fu trucidato il 13 aprile 1944 don Giuseppe Morosini.

E quindi, che senso ha commemorare oggi il 25 aprile? Molte sono state le risposte, ma tutte convergenti verso un comune valore, quello della democrazia.

Il 25 aprile è la festa in cui non sono ammessi fraintendimenti, non sono possibili sfumature: la storia ha indi…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto